5 cose da vedere assolutamente in Corea

Quando si pensa di organizzare un viaggio in Oriente, il primo Paese che viene immediatamente in mente è il Giappone, e subito dopo la Cina. Tuttavia, il continente asiatico può regalare grosse soddisfazioni agli amanti della storia e della cultura orientale, e non soltanto tramite le due nazioni citate. Ci sono tanti altri territori che meritano di essere esplorati per la loro eterogeneità e per le tradizioni gelosamente custodite nel tempo, ora condivise con i viaggiatori più curiosi. Ad esempio, recarsi in un posto come la Corea può risultare stimolante e coinvolgente, immergendo i visitatori in uno spazio completamente nuovo ai loro occhi. Ma, a tal proposito, quali sono le 5 cose da vedere assolutamente in Corea? Segue un approfondimento.

I palazzi reali di Seoul

Seoul, la capitale della Corea, è sicuramente uno dei luoghi cardine da cui partire per esplorare la nazione. Nella grande metropoli in questione, figurano numerosi palazzi reali come edificazioni sontuose, lussureggianti e complessivamente incredibili da ammirare. Queste costruzioni antiche rappresentano una testimonianza storica imperdibile, ma su tutti prevale il palazzo di Gyeongbokgung. Gli ornamenti presenti sono fatiscenti ed eleganti, in rappresentanza della forza e della stabilità della dinastia Joseon. Il palazzo in questione, d’altronde, ha avuto la funzione di residenza reale e di sede del governo, e la sua bellezza è la si può osservare sin dalla Gwanghwamun, ovvero la porta di ingresso dove sono raffigurate quattro guardie reali.

Altro palazzo reale da citare è il Changdeokgung, ben inserito in un territorio naturale. La sua edificazione risale al 1405, e fungeva da alloggio estivo per la famiglia reale. Il Giardino Segreto era un’area riservata solo ai membri reali, poiché rappresenta ancora oggi una delle zone più tranquille della Corea, circondata da montagne, foreste, ponti e prati ornamentali. Si segnala che, siccome nelle zone vicine ai due palazzi reali di Seoul c’è tanto altro da poter vedere, è preferibile consultare la pratica guida fornita da guidacorea.it.

Tempio di Bulguksa

Tra le 5 cose da vedere assolutamente in Corea c’è il Tempio di Bulguksa, una vera e propria icona buddista e di sacralità architettonica. Si tratta, non a caso, di uno dei tempi più antichi della Corea, risalente addirittura al 774 d.C., ma è stato soggetto a numerosi interventi perché è stato distrutto e ricostruito più e più volte negli anni. La sala principale presenta ornamenti mozzafiato e finiture minuziosamente dettagliate, ma non mancano le statue delle principali divinità e delle note figure buddiste.

L’isola di Jeju

L’isola di Jeju si pone come un vero e proprio paradiso, i cui paesaggi naturali risultano essere uno spettacolo a cielo aperto. Per ottenere un rifugio dal frenetico ritmo urbano, ci si può recare qui per ammirare l’eterogeneità del territorio e per realizzare una serie di attività coinvolgenti. Tra queste, si suggerisce di camminare nei pressi del monte Hallasan, e di organizzare una piacevole escursione all’interno delle foreste. Le perle fornite dalla natura circostante non mancano di certo, e l’isola di Jeju si ricorda per la presenza della cascata Cheonjiyeon e della spiaggia di Jungmun.

Il villaggio Hanok di Jeonju

Per “perdersi” in un’oasi appartenente alla tradizione coreana, il consiglio è di recarsi quanto prima al villaggio Hanok di Jeonju. Si tratta di un’occasione memorabile per poter entrare in contatto con il folklore locale, comprendendo da vicino lo stile di vita degli abitanti. Il villaggio è da considerare pittoresco per l’architettura delle case, tra tetti e cortili, e per la formazione delle stradine.

Il quartiere di Hongdae a Seoul

Tornando a Seoul, non ci si può esimere dall’esplorare il quartiere di Hongdae, contraddistinto dalla presenza di murales ed elementi artistici degni di nota. L’esperienza diventa ancor più immersiva di notte, quando nei club notturni e nei caffè vengono messe in scena delle performance musicali di assoluto livello. Il quartiere di Hongdae è prettamente giovanile e dà sfogo alla creatività.